Fienile Manfredi

LDA.iMdA

Via Volterrana, 82, Casotti di Moriolo, San Miniato, PI, Italia, 2005-2008


Il progetto architettonico di recupero e trasformazione in abitazione contemporanea del fienile Manfredi ha conservato gli elementi tipici della costruzione rurale.

Il  fienile, costruito prima del 1940, è situato in un lotto di forma irregolare nella campagna di San Miniato, in Toscana, in posizione adiacente alla casa colonica su due piani, rispetto alla quale è ruotato di pochi gradi.

È composto in origine da un corpo centrale a base rettangolare con il tetto a capanna simmetrico, a cui successivamente vengono aggiunti un volume a ovest in prossimità dell’abitazione, uno spazio coperto sul lato est e un ampliamento a nord. Nell’intervento di recupero la sagoma, le pareti del fabbricato esistente vengono mantenute come memoria storica. Questo, attraverso il consolidamento (con l’inserimento di una struttura interna d’acciaio) della parete a faccia vista, caratterizzante il fronte sud e quello nord, l’inserimento di una nuova struttura portante in cemento armato e la sostituzione del tetto.  La superfetazione a Nord viene eliminata; lo spazio coperto a est è trasformato in un volume chiuso, con la sostituzione della copertura a tetto in una piana e il trattamento a intonaco delle pareti, che gli conferisce il carattere di volume puro, nuovo, aggiunto. Il rapporto tra la parte centrale della preesistenza e i volumi laterali è stabilito, all’esterno, dal trattamento delle pareti: a faccia vista quelle del fienile originario, intonacate di bianco quelle dei volumi ai margini. Sul prospetto Nord e su quello Sud, le pareti a faccia vista al centro e quelle intonacate laterali sono intervallate da due grandi vetrate, che sostituiscono le aperture della struttura preesistente e, come tagli sulla facciata, stabiliscono un rapporto di continuità tra interno ed esterno. Il soggiorno, a doppia altezza, è lo spazio centrale della casa intorno al quale ruotano tutti gli ambienti e su cui si affacciano le camere da letto al primo piano. Domina lo spazio longitudinale del soggiorno, che diventa un unicum con la cucina e la pensilina d’ingresso, il camino, dietro al quale vi è la scala aperta.

Tutto lo spazio interno è in continuità attraverso pareti basse o di vetro. L’unicità dell’insieme è stabilita dal colore bianco e dalla luce, che penetra dai due diaframmi di vetro posizionati in corrispondenza dello spazio a doppia altezza e che, essendo in sequenza sulla parete Nord e su quella Sud, formano un cannocchiale ottico sul paesaggio circostante. La spazialità interna corrisponde alla composizione dei prospetti.

L’aspetto lineare della casa è sottolineato, oltre che dall’omogeneità cromatica, anche dai dettagli: la porta di ingresso è di lamiera stirata verniciata; i canali di gronda e i pluviali non sono a vista; i marciapiedi sono stati sostituiti con una fascia di ghiaia, gli elementi tecnologici sono celati dietro elementi architettonici (il riscaldamento è a pannelli radianti e anche le prese elettriche sono state nascoste). Gli impianti refrigeranti non sono stati inseriti, grazie ad una attenta progettazione dei moti convettivi e della ventilazione naturale.

Autore Scheda
Angela Raffaella Bruni
Revisori
Redazione ArchiDiAP
Dettagli del progetto
Stato dell'opera

Ampliata

Funzione

Recupero di edifici industriali

Tags

casa unifamiliare, edilizia residenziale, gianni bellucci, laterizio facciavista, lda.imda, paolo posarelli, riuso e restauro

Categoria di intervento

Case di campagna - 2010
Fonte
Cronologia

Progetto 2005
Fine costruzione 2008

Figure professionali coinvolte

PROGETTO ARCHITETTONICO E DIREZIONE LAVORI
LDA.IMDA architetti associati - Gianni Bellucci, Paolo Posarelli

PROGETTO STRUTTURALE
Ing. Andrea Capecchi, Ing.Flavio Lotti

Committenza

famiglia Manfredi

Imprese costruttrici

Opere edili: Ventre Antonio srl impresa costruttrice San Miniato- Pisa
Strutture: copertura Kaufmann – Canducci Holz service
Opere in acciaio: Ermini Adone srl Firenze

Budget dell'opera

€ 400.000

GALATI, Maria. Progettare con linguaggio moderno un antico fienile. In: Case di Campagna. Milano: Di Baio Editore, 2010, n. unico, p. X.

X, X. Architetture per abitare: le case unifamiliari. In: Architetture Pisane. Pisa: Edizioni ETS, 2011, n. numero 22/23, p. X.