Suzhou Intangible Cultural Heritage Museum

Vector Architects

, 2015-2016


Il Suzhou Intangible Cultural Heritage Museum è situato accanto al lago Taihu a Suzhou, una città a ovest di Shanghai rinomata per i canali, i ponti e i classici giardini. Il museo, che si propone di promuovere la cultura immateriale del luogo, nasce come uno dei dodici padiglioni eretti nella parte est del parco dell’esposizione orticola di Suzhou che si tenne nel 2016 occupando un’area vasta 236 ettari.

L’edificio si estende su 14000 m2 e comprende una serie di edifici circondati dal fiume sui tre lati. Il complesso prevede una parte interrata, scelta finalizzata a rispettare il sito originale e quindi a ridurre l’impatto dell’edificio stesso sul paesaggio naturale. A tale scopo si deve inoltre la scelta di inserire tetti verdi, progettati per assorbire e attenuare il deflusso dell’acqua verso una serie di torrenti. Dalla scelta di costruire un edificio parzialmente ipogeo deriva inoltre la realizzazione di una serie di strutture indipendenti dotate di pozzi di luce e collegate da cortili e corridoi esterni, dove i visitatori sono portati spesso a camminare dato il clima locale molto piovoso.

Il carattere di ogni spazio è quindi definito dall’uso proprio di un materiale specifico. L’ingresso è collocato in un volume leggero, caratterizzato da facciata e tetto vetrati, e conduce verso un lungo passaggio in corrispondenza della galleria al piano inferiore, che porta al cortile in cui prevalgono materiali come la pietra, l’ardesia per i gradini e il cemento reso a stucco. Camminando sotto i ponti, che collegano i percorsi al livello dell’ingresso principale, si trova una torre di osservazione da cui ammirare la vista circostante, oltre al ristorante a tre piani che affaccia sul lago, finito esternamente in cemento liscio e all’interno in legno tinto scuro. Nella sala del ristorante, una vetrata a tutta altezza nella sala esalta il contatto visivo con l’esterno.

Tre atri creano ventilazione e illuminazione naturale e indirizzano i visitatori alla piattaforma espositiva del tetto, conformato come un giardino pensile con vari tipi di vegetazione. Qui si possono svolgere spettacoli all’aperto, eventi gastronomici ed esperienze educative e interattive.

Autore Scheda
letizia_germani
Revisori
Redazione ArchiDiAP
Fabio Balducci
Dettagli del progetto
Stato dell'opera

Originale

Funzione

Musei

Tags

Categoria di intervento

Cronologia

Periodo di elaborazione progettuale : 10/2014 - 02/2015
Fase di costruzione: 02/2015 - 04/2016

Figure professionali coinvolte

Architetto principale: Dong Gong
Architetto progettista: Chen Liu
Architetto del sito: Yang Zhou
Team di progettazione: yi-chi wang, dongping sun, dan zhao, bai li, rae-hsuan hou, pin-chen yeh, yilun wang, kai zhang
Ingegneri struttuali: Ye Yongyi, Bian Kejian, Tan Qian
Architetto progettista LDi: Shuang Cai
Architetti LDi: Wang Yin, Zhang Xiaofeng, Wang Wei

Committenza

Suzhou taihu horticultural expo industrial development co., ltd.

Imprese costruttrici

Suzhou Institute of Architectural Design Co.,Ltd.

Williams, Austin (a cura di). Burying the building: Museum of Intangible Cultural Heritage by Vector Architects. In: The Architectural Review. London: Manon Mollard, 2017, n. 1442, Giugno 2017 , Edizione sull'acqua.